Home / parata dell'orgoglio / Come Stacey Abrams ha aiutato a trasformare la Georgia in blu

Come Stacey Abrams ha aiutato a trasformare la Georgia in blu

La Georgia lo è sulla buona strada per diventare blu a favore di Joe Biden queste elezioni presidenziali, e non è un colpo di fortuna. Dal 1964, la Georgia è un solido stato rosso, votando costantemente per il candidato presidenziale repubblicano in tutte le elezioni tranne tre – per l’ex senatore della Georgia Jimmy Carter nel 1976 e di nuovo nel 1980, e per Bill Clinton nel 1992. Eppure, nelle elezioni del 2020, lo stato ha tirato avanti per Biden la mattina del 6 novembre. Con a margine sottile a favore di Biden di poco più di 4.000 voti a partire da venerdì sera, la Georgia ha consolidato il suo ruolo di stato campo di battaglia.

“Grazie agli attivisti di base, alle organizzazioni alleate, ai volontari e, naturalmente, a tutti voi elettori, per i vostri sforzi nel corso degli anni per creare questa nuova Georgia”.

Anche se i risultati devono ancora essere ufficializzati, continuano ad arrivare schede elettorali all’estero e militari e è previsto un riconteggio – lo stretto margine di per sé può essere ampiamente attribuito all’ex rappresentante dello stato della Georgia Stacey Abrams. Grazie al suo duro lavoro nella mobilitazione degli elettori e nella lotta alla soppressione degli elettori attraverso le sue organizzazioni, Fair Fight e il New Georgia Project, ha successivamente contribuito a ribaltare lo stato. “Grazie agli attivisti di base, le organizzazioni alleate, i volontari e, naturalmente, voi, tutti voi elettori, per i vostri sforzi nel corso degli anni per creare questa nuova Georgia “, ha detto in un video per Fair Fight il 6 novembre.

Abrams ha fatto scalpore per la prima volta nel 2018 quando si è candidata alla carica di governatore della Georgia, ma ha perso le elezioni contro il repubblicano Brian Kemp solo circa 55.000 voti in mezzo a diffuse accuse di repressione degli elettori di matrice razzista. Ma invece di candidarsi di nuovo a una carica politica, Abrams ha incanalato i suoi sforzi nella lotta alla soppressione degli elettori, nell’organizzazione degli elettori e nell’espansione dei diritti di voto per le persone più prive di diritti civili in tutta la nazione attraverso Fair Fight – e ha reso la sua missione di portare il cambiamento in Georgia ispirare una nuova ondata di elettori.

Il suo instancabile attivismo ha dato i suoi frutti. In Georgia, Fair Fight secondo quanto riferito, ha registrato 800.000 nuovi elettori dal 2018, il 49% dei quali sono persone di colore e il 45% dei quali sono nuovi elettori sotto i 30 anni. Anche l’organizzazione combattuto per abrogare le tattiche di soppressione come la politica di corrispondenza esatta, che squalificava gli elettori idonei per lievi discrepanze tra la loro registrazione e l’identificazione ufficiale.

Ma galvanizzare gli elettori in Georgia e aumentare l’affluenza alle urne è stata una priorità per Abrams da molto prima delle elezioni del 2020. Ha trascorso quasi un decennio a lottare per espandere l’accesso al voto per i neri e le persone di colore, che spesso sostengono i candidati democratici. Per la sua corsa governativa nel 2018, lei ha triplicato l’affluenza alle urne in Asia-America e Latinx, e ha radunato il doppio dei giovani elettori.

Mentre il cambiamento politico in Georgia è ovviamente dovuto in gran parte cambiare i dati demografici, in particolare nelle città urbane come Atlanta, dove c’è stato un enorme afflusso di giovani elettori eleggibili diversi, il lavoro di organizzatori politici e attivisti non può essere ignorato. “La Georgia è il futuro dell’America“, Ha detto Abrams in un’intervista del 2016 con Il taglio. “Cambiamenti economici, cambiamenti demografici in corso in questo paese – non solo per quanto riguarda la razza ma in termini di età – tutte queste cose trovano un perfetto crogiolo in Georgia. La Georgia è una visione di come sarà l’America tra 20 anni”.

“La Georgia ha la popolazione più giovane di uno stato di campo di battaglia. Abbiamo la più alta percentuale di afroamericani di uno stato di campo di battaglia. E abbiamo dimostrato che entrambe le comunità si risolveranno”.

Mentre riconosceva il potenziale nel crescente elettorato della Georgia di diventare blu, Abrams ha lavorato attivamente per convincere i democratici a prendere sul serio lo stato come un campo di battaglia e tenere d’occhio gli elettori lì. “La Georgia ha la popolazione più giovane di uno stato campo di battaglia“, ha detto su Crooked Media’s Il deserto podcast a gennaio. “Abbiamo la più alta percentuale di afroamericani di uno stato campo di battaglia. E abbiamo dimostrato che entrambe le comunità si risolveranno”. E in a Politico intervista solo pochi giorni fa, Abrams ha condiviso che lei “ha incontrato tutti i principali candidati che erano in corsa per la presidenza“nel 2019 per trasmettere questo messaggio esatto, sottolineando che ha detto che” sarebbe scorretto non prestare attenzione “. Le proiezioni di Abrams e il sorprendente capovolgimento della Georgia servono come un importante promemoria del fatto che nessuno stato è interamente rosso o blu, e sfumature politiche consentono cambiamenti come quelli che abbiamo visto in questo stato.

Il defunto John Lewis ha anche spinto Biden verso il suo primo vantaggio in Georgia su Trump, come il famoso leader dei diritti civili e membro del Congresso che ha prestato servizio nel quinto distretto del Congresso della Georgia, che comprende parti della contea di Clayton, ha approvato l’ex vice presidente prima della sua morte a luglio . Una vittoria confermata di Biden in Georgia lo metterebbe su un chiaro percorso verso la vittoria, ma anche se lo stato alla fine votasse per Trump, questa differenza marginale in uno stato tradizionalmente rosso è una svolta significativa che influenzerà le gare a venire, e Abrams è certamente una di queste. per ringraziare.

Un’ulteriore prova che Abrams e i suoi colleghi organizzatori avevano ragione nel portare la Georgia sotto i riflettori: il controllo del Senato degli Stati Uniti probabilmente si riduce a due gare quest’anno, entrambe nello Stato di Peach. Dopo che i repubblicani David Perdue e Kelly Loeffler non sono riusciti a raggiungere oltre il 50% dei voti contro gli sfidanti democratici Jon Ossoff e Raphael Warnock, rispettivamente, entrambe le gare al Senato sono dirette al ballottaggio all’inizio di gennaio. Come ha detto la stessa Abrams riguardo ai ballottaggi, “il nostro lavoro qui non è finito”. Ha continuato: “Abbiamo visto cosa è possibile fare quando lavoriamo sodo e quando lavoriamo insieme”.

About admin

Check Also

I migliori cardigan di Gap

Mentre ci avviciniamo alle festività natalizie, una tendenza dell’autunno 2020 che regna sovrana è il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *